BlogDem
Facebook
Twitter
YouTube
Democratica, l'informazione del Partito Democratico
Novitá Settegiorni   Instagram
Partito Democratico Gruppo Consigliare Regione Lombardia
Home > Archivio > COMUNICATO STAMPA

Almenno San Salvatore, bisogna tutelare la chiesa romanica di San Giorgio

TERRITORIO »

 

 


Almenno San Salvatore, Barboni (PD): “Una modifica al Pgt permette di edificare vicino la chiesa romanica di San Giorgio. La Giunta tuteli questo inestimabile patrimonio”

Depositata interrogazione PD in Regione

La proposta di PGT del Comune di Almenno San Salvatore, attualmente in sede di Valutazione Ambientale Strategica, prevede nuova espansione residenziale anche nelle aree adiacenti alla chiesa romanica S. Giorgio e lungo il percorso di collegamento tra le chiese realizzato sul sedime della strada Regia di epoca romana, e mette a repentaglio le condizioni d’ambiente necessarie all’integrità del bene culturale. Il consigliere regionale del PD Mario Barboni, condividendo le preoccupazioni delle associazioni Italia nostra, Antenna europea del romanico e del Comitato Lemine, ha depositato un’ interrogazione a risposta orale in Commissione all’indirizzo dell’assessore regionale al Territorio Daniele Belotti per capire quali siano le intenzioni della Giunta in merito a questa situazione.  

“La proposta del PGT del comune di Almenno San Salvatore – spiega Barboni - prevedono una serie di trasformazioni di destinazione e di previsioni edificatorie in un’area interessata da importanti beni pubblici che non tiene in considerazione la possibilità di riutilizzare edifici sfitti o invenduti. Nella redazione del documento, inoltre, il comune non ha avviato alcun processo partecipativo, così come prevede la legge, e anche un parere dell’Amministrazione Provinciale di Bergamo ha evidenzia forti criticità all’interno del progetto in quanto in contrasto con quanto previsto dal PTCP della Provincia di Bergamo”.

Su questi presupposti il consigliere del Pd interroga l’assessore Belotti per capire se la Regione Lombardia abbia intenzione di mettere in pratica strumenti che garantiscano la tutela di questo inestimabile patrimonio storico e artistico: “La modifica del Piano di governo del territorio – continua - va esattamente in direzione opposta alla politica regionale di riduzione del consumo di suolo e di contenimento e valorizzazione del suolo. Sarebbe opportuno che la Regione fornisca, con una circolare da inviare a tutti comuni lombardi, una chiara indicazione volta a contenere le previsioni edificatorie a favore del recupero delle aree dismesse. Nel caso specifico, infine, mi auguro che si mettano in atto azioni politico istituzionali che guardino all’ apertura di un Parco del Romanico, che assieme alle chiese e agli altri reperti, rappresentano un importante patrimonio da salvaguardare per le future generazioni”. 

Milano, 28 settembre 2012

 


Condividi questo articolo

Vedi anche:

Giunta Consiglio