BlogDem
Facebook
Twitter
YouTube
Democratica, l'informazione del Partito Democratico
Novitá Settegiorni   Instagram
Partito Democratico Gruppo Consigliare Regione Lombardia
Home > Archivio > COMUNICATO STAMPA

Inquinamento Brescia: subito i finanziamenti e una risposta della regione all'emergenza

AMBIENTE »

 

 


Inquinamento Brescia

GIRELLI (PD): “subito i finanziamenti e una risposta della regione all’emergenza”

Il Consiglio regionale della Lombardia ha approvato oggi, martedì 23 aprile 2013, una delle due mozioni sull’inquinamento da Pcb, dovuto all’area da bonificare della ex Caffaro, a Brescia. Sul tema, in Aula, è intervenuto anche Gian Antonio Girelli, consigliere regionale del Pd, che si dice dispiaciuto del fatto che “non sia stato trovato un accordo per arrivare alla presentazione di un’unica mozione. Noi del Pd abbiamo votato per entrambe, sia quella del M5s, poi bocciata, che per l’altra della Lega”.

Girelli non può che constatare che questi documenti ricalcano l’interrogazione che lui stesso ha rivolto alla nuova assessore regionale all’Ambiente Terzi, con risposta in VI Commissione Ambiente, soprattutto laddove si chiede di spingere “Regione Lombardia a fare quanto di sua competenza e a caricarla della massima autorevolezza per rapportarsi con i livelli superiori, in particolare sul fronte della richiesta di finanziamenti”.

Il consigliere Pd è andato oltre e ha chiesto all’assessorato “una risposta per questi cittadini, chiarendo le competenze della Regione in materia, ma anche trovando le risorse per condurre esami epidemiologici sulla popolazione”.

Sul fronte dei finanziamenti, Girelli ha ricordato che “6 milioni di euro hanno bisogno di essere riattivati, ma come prima piccola tranche di intervento perché non sono sicuramente sufficienti. Inoltre, va chiarito come verranno spese queste risorse: il rischio è che buona parte siano destinate a consulenze. Non vorremmo che i primi 2 milioni e mezzo finiscano in carta”.

Per Girelli, “i cittadini di Brescia vivono questa situazione con un grande senso di impotenza, ma anche di rabbia, perché la percezione è che le istituzioni non facciano nulla. E l’emergenza non può essere lasciata tale”.

Milano, 23 aprile 2013


Condividi questo articolo

Vedi anche:

Giunta Consiglio