BlogDem
Facebook
Twitter
YouTube
Democratica, l'informazione del Partito Democratico
Novitá Settegiorni   Instagram
Partito Democratico Gruppo Consigliare Regione Lombardia
Home > Archivio > COMUNICATO STAMPA

Sulla nuova carta dei servizi nazionale non sarà possibile caricare l'abbonamento Trenord

TRASPORTI E INFRASTRUTTURE »

 

 


Gaffuri (PD): “Sulla nuova carta dei servizi nazionale non sarà possibile caricare l’abbonamento Trenord. Nessuna campagna informativa della Regione”

Con la nuova carta sanitaria nazionale, che da settembre 2013 sostituisce la carta regionale dei servizi in scadenza, non sarà più possibile per i pendolari lombardi caricare l’abbonamento dei trasporti Trenord. Se prima infatti bastava avere la carta regionale dei servizi con tipologia di trasporto su cui caricare l’abbonamento ferroviario, ad oggi vi sono sul mercato diverse tessere per diverse tipologie di abbonamento, e in alcuni le funzioni si sovrappongono. “Un’assurdità” secondo il consigliere regionale del PD Luca Gaffuri, firmatario di un’interrogazione depositata questa mattina all’indirizzo dell’assessore regionale ai Trasporti Del Tenno e che andrà in discussione nella prossima seduta d’Aula, con la quale si chiede alla Giunta di semplificare la tipologia o il numero delle carte in vigore migliorandone la modalità di acquisto online. Si pensi ad esempio all’abbonamento Ovunque in Lombardia che non è ancora possibile rinnovare attraverso il sito web della società regionale.

“Stiamo parlando di una carta regionale dei servizi costata a Regione Lombardia un miliardo e 700 milioni di euro in undici anni e che ha iniziato a dare i primi risultati quando ormai era troppo tardi – spiega l’esponente del Pd – senza contare che non si conosce l’ammontare stanziato dalla Giunta per avviare la sperimentazione per attivare la funzionalità trasporti, una lacuna che speriamo l’assessore possa colmare martedì in Aula. Oltre il danno anche la beffa – aggiunge - adesso i pendolari che hanno già sostituito la carta regionale con la tessera sanitaria nazionale sono costretti ad avere una tessera diversa per la maggior parte degli abbonamenti ferroviari. Un significativo passo indietro a cui la Regione non ha ancora oggi dedicato una campagna informativa ad hoc”

Milano, 31 ottobre 2013


Condividi questo articolo

Vedi anche:

Giunta Consiglio