BlogDem
Facebook
Twitter
YouTube
Democratica, l'informazione del Partito Democratico
Novitá Settegiorni   Instagram
Partito Democratico Gruppo Consigliare Regione Lombardia
Home > Archivio > COMUNICATO STAMPA

Eusalp: un sostegno alla vita e alle attività in montagna, favorendo i rapporti tra paesi confinanti

ISTITUZIONI E POLITICA »

 

 


Eusalp

GAFFURI (PD): “Un sostegno alla vita e alle attività in montagna, favorendo i rapporti tra paesi confinanti”

È stata approvata oggi, giovedì 9 ottobre 2014, in Commissione speciale rapporti tra Lombardia e Svizzera del Consiglio regionale, la risoluzione che verrà proposta al voto dell’Aula martedì 14 ottobre e che rappresenta il contributo dell’assemblea alla consultazione pubblica promossa dalla Commissione europea ‘Una strategia Ue per la Regione alpina (Eusalp)’.

Il documento intende individuare, insieme a istituzioni, istanze sociali e cittadinanza dei territori interessati, le linee di azione della nascente macroregione europea delle Alpi.

Durante la discussione sono stati accolti gli emendamenti al testo della risoluzione che il Gruppo del Pd ha proposto e che “intendevano mettere in risalto, all’interno della strategia macroregionale, l’attenzione che deve essere riservata alle aree specificamente montane”, fa sapere Luca Gaffuri, consigliere regionale del Pd, componente della Commissione.

Tra le proposte, “frutto delle riflessioni avviate negli scorsi anni dai gruppi consiliari del Pd delle regioni e province autonome alpine – prosegue Gaffuri –, vi sono il sostegno alla permanenza delle attività economiche e alla residenzialità in montagna, una compensazione delle maggiori difficoltà che richiede gestire servizi e mantenere il territorio in area montana, quindi anche il riconoscimento del contributo che l’agricoltura di montagna fornisce nell’interesse generale alla cura e conservazione del paesaggio e alla prevenzione dei rischi naturali”.

Viene, inoltre, sottolineato, precisa il consigliere Pd, che “la strategia macroregionale, che interessa oltre all’Italia e agli altri paesi alpini della Ue anche Svizzera e Liechtenstein, potrebbe servire a raggiungere una migliore comunicazione tra mercati occupazionali e sostenere una migliore integrazione nella programmazione e gestione comune dei trasporti pubblici nelle aree di confine. Infine, abbiamo sostenuto che le iniziative di Eusalp dovrebbero favorire la mentalità della collaborazione: sarebbe, allora, da valutare, sul modello di Erasmus, l’istituzione di un ‘servizio civile in montagna’, che favorisca la mobilità all’interno dell’area alpina e sia finalizzato ad attività in campo ambientale, forestale e agricolo”.

Milano, 9 ottobre 2014


Condividi questo articolo

Vedi anche:

Giunta Consiglio