BlogDem
Facebook
Twitter
YouTube
Democratica, l'informazione del Partito Democratico
Novitá Settegiorni   Instagram
Partito Democratico Gruppo Consigliare Regione Lombardia
Home > Archivio > COMUNICATO STAMPA

Valvestino e Magasa in Trentino? No alla Lombardia che perde i pezzi

ISTITUZIONI E POLITICA »

 

 


Girelli (PD): “No alla Lombardia che perde i pezzi”

Questo pomeriggio il Consiglio regionale ha approvato a larga maggioranza una mozione presentata dal gruppo della Lega Nord con la quale si chiede a Regione Lombardia di attivarsi presso il Governo per portare a termine la richiesta di passaggio dei comuni di Valvestino e Magasa dalla provincia di Brescia alla Regione autonoma del Trentino Alto Adige. Il partito democratico ha espresso voto di astensione, il consigliere regionale del Pd Gian Antonio Girelli spiega il perché. “Abbiamo espresso voto di astensione perché siamo rispettosi della volontà dei cittadini di Magasa – dichiara l’esponente del Pd – ma non condividiamo questa scelta che evidenzia quella che è una vera e propria sconfitta di Regione Lombardia nel sostenere i territori montani. La politica regionale in questi anni – continua - non è stata in grado di tutelare e sostenere le piccole comunità locali montane, che come in questo caso preferiscono migrare in un’ altra regione. Si sarebbe potuto mettere a punto un vero e proprio piano di sostegno partendo dalle necessità reali delle piccole comunità montane, cogliendone fragilità e bisogni. Ed invece si è preferito assecondare la loro scelta di andare altrove”.

Alla luce della riforma in discussione a Roma che prevede la revisione delle competenze delle regioni, delle nuove provincie, delle comunità montane e delle unioni di comuni, il consigliere Girelli tiene a precisare: “la maggioranza deve chiedere al Governo di riconoscere alla Lombardia delle forme di autonomia capaci di intercettare e dare risposta ai problemi delle zone più fragili. L’alternativa in caso contrario è di assistere ad una progressiva richiesta di esodo. Ma peggio ancora di non saper interpretare l’opportunità che questo momento di grande riforme istituzionali offre. Si tratta di mettere in campo autorevolezza, capacità di analisi e condivisione di percorsi”.

Milano, 14 aprile 2015

 


Condividi questo articolo

Vedi anche:

Giunta Consiglio