BlogDem
Facebook
Twitter
YouTube
Democratica, l'informazione del Partito Democratico
Novitá Settegiorni   Instagram
Partito Democratico Gruppo Consigliare Regione Lombardia
Home > Archivio > COMUNICATO STAMPA

Portamb di Mazzano, dal territorio si ribadisce il no

AMBIENTE »

 

 


Portamb di Mazzano

GIRELLI (PD) E ROLFI (LN): “DAL TERRITORIO SI RIBADISCE IL NO ALL'AUTORIZZAZIONE DELL'IMPIANTO”

 

 

È ancora il caso di autorizzare la delocalizzazione dell’impianto di trattamento rifiuti della Portamb nell’ex cava Florio/Felce nel Comune di Mazzano? Lo chiedono Gianantonio Girelli, consigliere regionale del Pd, e il collega della Lega Fabio Rolfi in un’interrogazione all’assessore all’Ambiente Terzi.

 

Nel documento Girelli e Rolfi ricordano quanto approvato in una mozione dal Consiglio regionale ancora nell’ottobre 2013: l’impegno della Giunta doveva essere  di verificare che gli uffici competenti tenessero nella massima considerazione lo stato di particolare criticità del territorio di Mazzano in fase di concessione delle autorizzazioni; di prevedere che nell’ambito di quelle procedure si considerasse l’impatto generato dall’insieme dei nuovi impianti e insediamenti; di approfondire l’analisi degli impatti cumulativi e le ricadute sullo stato dell’ambiente e della qualità della vita della popolazione di Mazzano, Castenedolo e Calcinato; di promuovere ogni azione finalizzata al miglioramento della salute dei cittadini e della qualità dell’ambiente.

Mozioni cui seguiva un’interrogazione in risposta alla quale la stessa Terzi assicurava eventuali integrazioni di documentazione.

 

L’ultima atto, ricordano i due consiglieri regionali bresciani, è del 20 aprile scorso, quando la Provincia di Brescia ha dato parere contrario al progetto di ampliamento della Portamb.

A questo punto, Girelli e Rolfi chiedono ancora all’assessore di sapere “a che punto è l’iter autorizzativo e se alla luce del parere contrario della Provincia di Brescia relativo all’ampliamento del sedime, motivato dalle relazioni tecniche del Comune di Mazzano, dell’Asl e dell’Arpa di Brescia e del settore Ambiente della Provincia, nei quali si evidenziano criticità che analogamente possono essere rilevate anche nella richiesta di delocalizzazione, non ritenga opportuno mettere in campo tutte le azioni affinché  la procedura non ottenga l’autorizzazione”.

Milano, 7 maggio 2015


Condividi questo articolo

Vedi anche:

Giunta Consiglio