BlogDem
Facebook
Twitter
YouTube
Democratica, l'informazione del Partito Democratico
Novitá Settegiorni   Instagram
Partito Democratico Gruppo Consigliare Regione Lombardia
Home > Archivio > COMUNICATO STAMPA

Riforma sanitaria: sbagliato cancellare l'Asl della Vallecamonica

SANITÀ »

 

 


TOMASI (PD): SBAGLIATO CANCELLARE L’ASL DELLA VALLE CAMONICA, NOSTRO MODELLO DEVE ESSERE QUELLO SVIZZERO

“In Regione ci sono due gruppi politici che fanno del federalismo la loro bandiera ma non sono sempre coerenti e non lo sono in questa riforma sanitaria, con la creazione dell’ATS unica della montagna. Il nostro modello dovrebbe essere quello svizzero, dove un grande cantone come quello di Zurigo, con un milione e quattrocentomila abitanti ha un sistema sanitario, il cantone di Appenzello che ne ha 15.700 ne ha un altro. Per noi deve contare la popolazione, e la Valle Camonica ha centomila abitanti, ma anche la dimensione territoriale e la specificità locale: da noi non c’è libertà di scelta perché esiste solo il pubblico”. Lo ha dichiarato il consigliere regionale del Pd Corrado Tomasi intervenendo questa sera in Consiglio regionale in discussione generale sulla riforma della sanità.

“L’Asl della Valle Camonica – ha spiegato - è l’unica tra le quindici Asl lombarde che gestisce sia ospedali che servizi sociosanitari: se è questa l’impostazione della nuova riforma, non ha senso cancellare l’autonomia della valle e annegarla in una ATS che va dal Trentino al Piemonte”.

Al termine dell’intervento Tomasi ha rivolto un appello a Maroni e al sottosegretario Parolo: “conosco la loro sensibilità a cui faccio appello. Per la Lombardia lasciare l’autonomia alla valle Camonica è poca cosa, ma per noi è molto importante. Mi appello anche agli altri due consiglieri della Valle, perché rompano gli indugi e contribuiscano fattivamente alla difesa dell’autonomia della sanità camuna”.

Milano, 14 luglio 2015


Condividi questo articolo

Vedi anche:

Giunta Consiglio