BlogDem
Facebook
Twitter
YouTube
Democratica, l'informazione del Partito Democratico
Novitá Settegiorni   Instagram
Partito Democratico Gruppo Consigliare Regione Lombardia
Home > Archivio > COMUNICATO STAMPA

Retorbido: pronti a discutere la mozione della Lega, incomprensibile la bocciatura dell'urgenza

AMBIENTE »

 

 


 

Retorbido

VILLANI (PD): “PRONTI A DISCUTERE LA MOZIONE DELLA LEGA. INCOMPRENSIBILE LA BOCCIATURA DELL’URGENZA”

 

Il Consiglio regionale della Lombardia, riunitosi stamani, ha bocciato a maggioranza e a voto segreto, richiesto dal M5s, l’urgenza necessaria a votare una mozione, non inserita nell’ordine del giorno della seduta, presentata dalla Lega sulla vicenda dell’impianto di pirolisi di Retorbido.

Critico sul fatto Giuseppe Villani, consigliere regionale del Pd e capogruppo in VI Commissione Ambiente, che sarebbe stato pronto a discutere il documento: “Il fatto avvenuto oggi in Consiglio regionale è veramente incomprensibile, perché per certificare l’urgenza della mozione presentata dalla Lega, per altro non particolarmente incisiva ma sicuramente migliorabile attraverso un confronto approfondito, serviva il parere favorevole del presidente del Consiglio regionale, che non è stato positivo, o il parere del Consiglio stesso che lo può esprimere, con il voto, se i richiedenti sono almeno 10. E la discussione è stata, appunto, bocciata con 38 voti contrari e 34 favorevoli”.

 

In base a questa regola, dunque, “non si è potuto affrontare il tema – spiega ancora Villani –. Il Pd era pronto anche oggi a discutere la mozione per ribadire il proprio ‘no’ all’impianto di pirolisi nel comune di Retorbido, ricordando tutte le motivazioni tecniche e socioeconomiche che ha espresso fin dal primo momento con la presentazione di una risoluzione in Commissione Ambiente e di tanti altri atti concreti”.

 

Ora, per Villani, “la sicura riuscita della grande manifestazione di domenica 22 maggio non deve essere intaccata da manovre di carattere tattico o da giochetti che servono ad alcuni solo per apparire, specialmente nel territorio pavese dove, a tutti i livelli, c’è bisogno invece di una grande condivisione da parte di tutte le forze che sono realmente contrarie all’impianto e che vogliono bene all’Oltrepo”.

 

Milano, 17 maggio 2016

 

 


Condividi questo articolo

Vedi anche:

Giunta Consiglio