BlogDem
Facebook
Twitter
YouTube
Democratica, l'informazione del Partito Democratico
Novitá Settegiorni   Instagram
Partito Democratico Gruppo Consigliare Regione Lombardia
Home > Archivio > COMUNICATO STAMPA

Plis pavesi: no a un'unica gestione dei grandi parchi, sì al turismo e allo sviluppo sostenibile

AMBIENTE »

 

 


 

Plis pavesi

VILLANI (PD): “NO A UN’UNICA GESTIONE DEI GRANDI PARCHI, SÌ AL TURISMO E ALLO SVILUPPO SOSTENIBILE”

 

C’erano anche Gianni Andrini, sindaco di Valverde, per il Plis del Castello di Verde, e Fabio Tagliani, vicesindaco di Brallo di Pregola, per la riserva naturale ‘Le Torraie – Monte Lesima’, all’audizione che si è tenuta questo pomeriggio, in VIII Commissione Agricoltura del Consiglio regionale, sul progetto di legge di riorganizzazione del sistema lombardo di gestione e tutela delle aree regionali protette.

 

“Durante i loro interventi ci sono state presentate due realtà molto belle e significative e abbiamo capito perfettamente la preoccupazione sul piano gestionale – commenta al termine dell’audizione Giuseppe Villani, consigliere regionale del Pd –. In particolare, condividiamo i timori del sindaco di Valverde a proposito dell’ipotesi di gestione affidata al Parco del Ticino, anche tenendo conto che una parte del territorio del Plis del Castello di Verde è di proprietà privata”.

Ma il Pd non sta condividendo in generale l’impostazione della nuova legge, che vuole andare a superare quella ormai obsoleta risalente al 1983: “L’obiettivo di razionalizzare per risparmiare è limitante: ci sono talmente tante realtà protette sul vasto territorio lombardo che è impossibile pensare di farle afferire tutte a pochi, grandi parchi gestori”, aggiunge Villani.

 

“Se si va a rimettere mano alla legge 86 dell’83, bisogna fare invece ulteriori passi avanti, in particolare favorendo il passaggio delle aree protette da una semplice gestione di salvaguardia a una gestione di tutela e fruizione, in sinergia con una politica di sviluppo sostenibile del territorio – ha detto in seduta il consigliere Pd –. A questo fine è necessario favorire il turismo, come grande fatto economico, come pure l’educazione ambientale, per collegarsi ancora di più alla vocazione naturale dei territori, delineando un progetto di sviluppo alternativo a quello che si sta portando avanti. E noi, in questo, lavoreremo per trovare gli strumenti necessari”.

 

Milano, 19 luglio 2016

 


Condividi questo articolo

Vedi anche:

Giunta Consiglio