BlogDem
Facebook
Twitter
YouTube
Democratica, l'informazione del Partito Democratico
Novitá Settegiorni   Instagram
Partito Democratico Gruppo Consigliare Regione Lombardia
Home > Archivio > COMUNICATO STAMPA

Lo schiaffo della Regione a Milano

TRASPORTI E INFRASTRUTTURE »

 

 


 

SCHIAFFO DELLA REGIONE A MILANO: NEL PIANO REGIONALE DELLA MOBILITA’ BOCCIATO IL PATTO PER MILANO

GLI EMENDAMENTI CHE RECEPIVANO L’ACCORDO ERANO STATI PRESENTATI DAL PD

 

Il Consiglio regionale ha respinto tre emendamenti e un ordine del giorno del PD al piano regionale della mobilità, in discussione in queste ore, che recepivano i contenuti del Patto per Milano, siglato martedì 13 settembre dal sindaco Sala e dal presidente del Consiglio Renzi. I tre emendamenti riguardavano il prolungamento della M1 ai quartieri di Baggio, Olmi e Valsesia, il recupero tecnologico della M2 e lo sviluppo delle metro tramvie urbane di Milano con il superamento tra l’altro delle barriere architettoniche, riprendendo il testo esatto dell’accordo tra Comune e Governo. La giunta regionale ha dato parere contrario e la maggioranza di centrodestra ha votato contro. È stato anche respinto l’ordine del giorno che impegnava la Giunta regionale a contribuire alla realizzazione degli obiettivi del Patto garantendo la copertura, dove necessario, delle quote di cofinanziamento per l’attuazione delle misure che promuovono l’utilizzo del trasporto pubblico locale.

 

“Maroni non si lamenti se nelle scelte strategiche non viene coinvolto e se il sindaco di Milano e della città metropolitana si rivolge direttamente al Governo”. Questo il commento del segretario regionale del Pd Alessandro Alfieri e il consigliere regionale del Pd Onorio Rosati che aggiungono: “Ancora una volta Maroni ha dato dimostrazione della propria miopia politica e istituzionale facendo bocciare dalla sua maggioranza, per mera demagogia, emendamenti mirati per lo sviluppo del trasporto pubblico locale del capoluogo. Questa maggioranza non ritiene importante lo sforzo che sta facendo il Governo assieme a Milano per mettere in campo infrastrutture sostenibili ma  ha deciso che il terzo soggetto chiamato a concorrere per la riuscita di questo Patto si tirasse indietro contro gli interessi dei cittadini e dei territori”.

 

Milano, 20 settembre 2016

 


Condividi questo articolo

Vedi anche:

Giunta Consiglio