BlogDem
Facebook
Twitter
YouTube
Democratica, l'informazione del Partito Democratico
Novitá Settegiorni   Instagram
Partito Democratico Gruppo Consigliare Regione Lombardia
Home > Archivio > COMUNICATO STAMPA

Montagna: la Lega non accetta di stanziare 5 milioni per le nostre valli

AGRICOLTURA »

 

 


 

Montagna

PD: “LA LEGA NON ACCETTA DI STANZIARE 5 MILIONI PER LE NOSTRE VALLI”

 

“Chiediamo solo pochi spiccioli per la montagna, ma anche quelli non si trovano”, lo hanno detto Corrado Tomasi e Mario Barboni, consiglieri regionali del Pd, intervenendo questo pomeriggio, in Consiglio regionale, durante la discussione sui documenti di bilancio.

“Abbiamo presentato un emendamento al Collegato 2017 in cui chiedevamo che venissero stanziati 5 milioni di euro per il prossimo anno per lo sviluppo sostenibile del territorio montano – raccontano –. La copertura finanziaria poteva benissimo essere recuperata dagli accantonamenti. Invece, l’assessore regionale al Bilancio Garavaglia ha proposto di approvare un analogo emendamento della Lega, che ipotizzava la stessa cifra, cioè 5 milioni di euro, ma chiedendo di puntare al ribasso e proponendo di stanziare invece solo un milione su un capitolo e due su un altro. La Lega ha accettato e questa versione è passata con la nostra astensione”.

Ma quello che ha distinto la discussione sul tema montagna rispetto ad altre volte, fa sapere Tomasi, sono stati gli interventi del sottosegretario alla Montagna Parolo e del consigliere Fanetti: “Se la sono presa con il loro assessore al Bilancio perché la Giunta continua a trascurare le politiche montane, nonostante il Consiglio abbia approvato atti di indirizzo che impegnano Maroni e i suoi assessori a sostenere economicamente quei territori. Parolo e Fanetti non hanno tutti i torti: la passata amministrazione Formigoni, sempre di centrodestra, metteva molte più risorse di questa, nonostante la Lega si sia fatta, a parole, sempre paladina delle nostre valli. Il sottosegretario ha persino riconosciuto che i fondi sono arrivati in Valtellina, cioè nella sua provincia, ammettendo di aver ottenuto quello che voleva. Ma i consiglieri di maggioranza che provengono dalle altre valli sono tanti: mi domando come mai abbiano accettato di farsi mettere nel sacco per l’ennesima volta”.

Insomma, per Tomasi e Barboni “alle prossime elezioni bisognerebbe far vedere ai cittadini il video degli interventi di oggi, chiedendo se vogliono ancora votare costoro”.

Milano, 20 dicembre 2016


Condividi questo articolo

Vedi anche:

Giunta Consiglio