BlogDem
Facebook
Twitter
YouTube
Democratica, l'informazione del Partito Democratico
Novitá Settegiorni   Instagram
Partito Democratico Gruppo Consigliare Regione Lombardia
Home > Archivio > COMUNICATO STAMPA

Treni, l'ennesima disavventura sulla tratta Milano-Crema

TRASPORTI E INFRASTRUTTURE »

 

 


 

TRENI, ENNESIMA DISAVVENTURA SULLA TRATTA MILANO-CREMA. ALLONI (PD) SCRIVE ALL'ASSESSORE SORTE E A TRENORD

 

Il consigliere regionale del Pd Agostino Alloni, pendolare e da sempre impegnato sui temi dei trasporti, dopo l'ennesima disavventura ferroviaria della settimana ha scritto questo pomeriggio una lettera all'assessore regionale ai trasporti Alessandro Sorte e all'amministratore delegato di Trenord Cinzia Farisé.

Il casus belli è stata la perdita della coincidenza a Treviglio, dove il Milano – Verona da Centrale è arrivato con oltre una decina di minuti di ritardo facendo così perdere per un soffio a tutti i viaggiatori diretti a Cremona il treno corrispondente. La beffa è che sarebbe bastata una manciata di secondi per evitare loro un'attesa di un'ora.

"Sono due settimane che io e i pendolari cremaschi non riusciamo a viaggiare un giorno intero senza perdere coincidenze o trovare treni cancellati”, attacca Alloni, che poi illustra l'inconveniente subito a Treviglio: “arrivo con il Verona da Centrale con 10 minuti di ritardo. La coincidenza per Cremona e Crema dovrebbe partire alle 15.07, appunto. Saremmo puntuali, nonostante il ritardo. Ci volete dare 30 secondi, dico 30 secondi, per correre a prenderla? Dobbiamo scendere e salire al binario 9. Solo 30 maledetti secondi. No. Nonostante la corsa dei circa 30 pendolari che arrivano da Milano il treno parte esattamente alle 15.07.”

La conclusione di Alloni è senza appello: “Cosa faccio ora, visto che oltre ad essere pendolare sono anche consigliere regionale? Faccio interrogazioni, mozioni, proposte di ordini del giorno in aula o in commissione? Spero solo che tra qualche mese, visto che si vota, ci sia un governo di Regione Lombardia che almeno riesca ad imporre a Trenord un po’ di buon senso.”

 

Milano, 29 giugno 2017

 


Condividi questo articolo

Vedi anche:

Giunta Consiglio