BlogDem
Facebook
Twitter
YouTube
Democratica, l'informazione del Partito Democratico
Novitá Settegiorni   Instagram
Partito Democratico Gruppo Consigliare Regione Lombardia
Home > Archivio > COMUNICATO STAMPA

Mortara: l'impegno della regione per la Lomellina non è sufficiente

AMBIENTE »

 

 


 

Mortara

VILLANI (PD): “L’IMPEGNO DELLA REGIONE PER LA LOMELLINA NON È SUFFICIENTE”

 

“Non c’è sufficiente impegno da parte della Regione per quanto riguarda i gravi problemi ambientali della Lomellina”, non usa mezzi termini Giuseppe Villani, consigliere regionale del Pd e capogruppo in VI Commissione Ambiente, dove, questa mattina, si è tenuta l’audizione con l’assessore regionale Terzi, l’Arpa Lombardia e l’Ats di Pavia, dopo l’ennesimo incendio scatenatosi sul territorio.

E proprio dalla richiesta di moratoria per le autorizzazioni già rilasciate, avanzata subito da Villani e sposata anche dal sindaco di Mortara, è scaturita la reazione del consigliere Pd alla risposta dell’assessore: “Ci ha detto chiaramente che non siamo i primi a chiedere un provvedimento del genere, in Lombardia. E quindi, prima ha scaricato sul Consiglio regionale la responsabilità di pensare a una norma di legge per questi casi, poi ha fatto presente che queste leggi devono sopravvivere alle verifiche legislativo-giuridiche, ovvero ai tribunali amministrativi. Perciò, pur assicurando attenzione da parte della Regione, ha concluso che tutto sommato la Lomellina non è l’area della Lombardia che sta peggio. No, non è proprio sufficiente”.

Diverso il discorso per il consigliere Pd per quanto riguarda Arpa e Ats “che hanno illustrato tutta la loro attività svolta nei giorni dell’incendio di Mortara e spiegato come continuano a monitorare la zona. Di questo ho sicuramente ringraziato i vertici delle due aziende, ma il loro impegno è stato mirato al singolo caso. Qui bisogna andare oltre con una campagna di controlli costanti”.

Villani si è detto più soddisfatto della decisione del Prefetto di “istituire il cosiddetto Tavolo per le indagini speditive che intendono intensificare ulteriormente i controlli, anche a sorpresa”. Resta la proposta di fondo del “piano d’area che pensi a una Lomellina diversa dove si valorizza quello che la caratterizza e non si sfrutta semplicemente un territorio”.

Milano, 28 settembre 2017


Condividi questo articolo

Vedi anche:

Giunta Consiglio