settegiorni
linea
  torna al sommario condividi:                                       


SISCO, UNA SEMPLIFICAZIONE INSERVIBILE E COSTOSA

Il sistema informativo che non ha mai funzionato a dovere finora è costato 13 milioni di euro

Mercoledì scorso, anche in commissione Agricoltura, si è votata la relazione annuale sulla semplificazione, il documento di sintesi che illustra i principali e più rilevanti ambiti in cui si sono sviluppati gli interventi di semplificazione e di digitalizzazione attivati dalla Giunta nel 2016.
Per Marco Carra è stata l'occasione per ribadire come il sistema Sisco, il Sistema informativo di gestione delle conoscenze, da quando è stato riprogrammato, non ha mai funzionato a dovere.
"Se la semplificazione - ha annunciato - per quanto riguarda l'agricoltura, significa Sisco, allora noi votiamo convintamente contro".
Sisco comprende l'anagrafe regionale delle aziende agricole, i fascicoli aziendali informatizzati, le procedure informatizzate per l'erogazione degli aiuti previsti dalla normativa statale ed europea vigente e per ogni altro aiuto economico erogato dall'organismo pagatore e dalla Regione o da altro soggetto da essa delegato a sostegno del comparto. Costituisce quindi anche la piattaforma attraverso la quale le aziende agricole presentano la domanda unica e le domande relative ai bandi emessi in relazione alle misure previste dal Programma di sviluppo rurale.
La piattaforma Sisco ha preso avvio nel 2012 ed è stata messa in linea e resa fruibile dalle aziende agricole a partire dall'ottobre 2014. Le criticità emerse durante l'utilizzo del sistema sono state evidenziate, nel corso delle audizioni in Commissione, dalle associazioni di categoria e in parte confermate da Lombardia Informatica. A novembre 2014 Sisco mancava della funzione di interscambio dati con il sistema informativo nazionale, aspetto sottolineato ancora alla data del 1 aprile 2015, nonostante fosse un elemento indispensabile per la fruizione della piattaforma da parte dell'organismo pagatore. Difficoltà non ancora superate a fine 2016, come rilevato nel corso delle audizioni delle associazioni di categoria degli agricoltori avvenute in Commissione il 16 novembre scorso.
"Più che una semplificazione, la definirei riparazione di un guasto - ha chiosato Carra -. E a che prezzo: il costo complessivo sostenuto da Regione Lombardia per Sisco è stato finora di oltre 13 milioni di euro".

Novità Settegiorni # 406 del 26/05/2017