Spiace per Nogara, ma la legge è inequivocabile