Psr: la Lega legge i dati come vuole e offende chi li studia