Riforma sanitaria e servizi funerari, qualche precisazione