Bene l’accordo con i medici di medicina generale, ma non basta