La Regione dialoghi con i medici