L’affaire Film Commission è tanto indifendibile da essere definito un’imprudenza