Family in Lombardia, dal consiglio regionale un primo segnale di attenzione