Film Commission: sull’acquisto della sede ancora molto da spiegare, ora anche la pista russa