L’immobilismo della regione rischia di lasciare a piedi i pendolari