Nel piano regionale di sviluppo, grazie al PD, un piano straordinario per azzerare le liste d’attesa