Merate, una inaugurazione da censurare