La denuncia dei medici del Cto di Milano non può restare lettera morta