Confini sul Po: questione di buon senso