Test e tamponi: essere guariti non può essere una colpa