La Regione ascolti il grido d’allarme del mondo produttivo