Per i pazienti fragili è allarme. La Regione garantisca le cure ordinarie