Alle Rsa serve sostegno, altro che protocolli