Accogliamo i pazienti dalle altre province, ma lasciateci medici e infermieri nella bergamasca