Film Commission: le novità confermano i nostri dubbi