Ancora una volta la Regione Lombardia snobba il casalasco