Lega e alleati negano ancora trasparenza. E a farne le spese sono  i lombardi