Un’offesa alla città e a chi si spende ogni giorno per la lotta alla pandemia