Film Commission: vicenda sempre più imbarazzante