La Regione non vuole un piano faunistico venatorio