Urgente far ripartire la sanità “non covid”. In Lombardia pesante riduzione visite, interventi e screening