Case di comunità: non basta cambiare nome a strutture esistenti