Ci vuole una vera rete di servizi per i più fragili