Ferrovienord: dall’uomo del muro i comaschi devono aspettarsi un binario morto?