Liste d’attesa e aperture straordinarie, la Regione costretta a fare marcia indietro