Cultura e spettacoli in sofferenza: ora parla l’Agis