Il problema non sono i lavoratori, ma i rapporti con la Confederazione