testata (1)
Numero 507 del 8 maggio 2020

L'Editoriale Una regione in affanno

L’emergenza Covid-19 ci consegna un’immagine inedita della Lombardia: una regione in ritardo. L’ultimo di questi ritardi è sotto gli occhi di tutti e riguarda l’incapacità di avere una strategia chiara sui test sierologici che rischiano di diventare un grande pasticcio, o un grande business, se non vengono collocati in una precisa strategia epidemiologica. Il ritardo della Lombardia si misura in tanti altri settori dell’emergenza, dalla sanità territoriale alla ridotta capacità di processare tamponi, dalla protezione degli operatori sanitari alla necessità di tenere separati i malati Covid. La regione ha sì corso in queste settimane, ma con l’affanno di inseguire più che con la consapevolezza di dove andare.
La giunta parla finalmente di sorveglianza attiva, fornendo indicazioni a medici di base e operatori delle ATS che dovevano già essere date due mesi fa. Il tempo perso, purtroppo, ha portato con sé conseguenze pesanti che non si misurano solo con numeri ancora troppo alti riguardo contagi, ricoveri e decessi, ma con la vita di tante famiglie, sconvolte dal violento impatto dell’epidemia.
La maggioranza ha fatto quadrato attorno a chi ha gestito questa emergenza, respingendo la mozione del PD che chiedeva un cambio di rotta nell'assessorato al welfare. Una scelta chiara che certifica un’assunzione di responsabilità politica sulle scelte fatte.
Ora partirà la Commissione d’inchiesta sulla gestione dell’emergenza Covid. Un’occasione per fare chiarezza, capire che cos'è successo e come migliorare un sistema sanitario che ha mostrato tutte le sue contraddizioni, con punte di assoluta eccellenza e settori di evidente debolezza. Non c’è spazio per giochini politici, c’è solo la necessità di fare chiarezza su quanto è accaduto.
Solo così la Lombardia potrà recuperare il ritardo accumulato.

Nove Maggio La festa dell'Europa

9maggioEuropa

LEGA E ALLEATI CONFERMANO LA FIDUCIA A GALLERA

Respinta la nostra mozione, non vogliono ammettere i problemi
Lunedì scorso la maggioranza in Consiglio regionale ha fatto muro contro la nostra mozione che metteva in fila i tanti errori commessi dalla Regione nella gestione dell’emergenza COVID e chiedeva un cambio netto di strategia. La sua approvazione avrebbe comportato il giudizio negativo sull’assessore Gallera, ma anche sul presidente Fontana. La maggioranza ha votato contro in modo compatto, ma anche da parte di Italia Viva e di Più Europa sono arrivati dei distinguo. In ogni senso, quel voto fa chiarezza.

Un provvedimento limitato ma utile alla ripresa

Il Pd ha votato sì al progetto di legge di sostegno all'economia lombarda
Lunedì scorso, in aula, il Pd ha votato si al progetto di legge, del valore di 3 miliardi, di sostegno all'economia lombarda. Un provvedimento limitato, ma comunque di aiuto alla ripresa, anche grazie agli impegni ottenuti dal Pd con tre ordini del giorno. Innanzitutto le priorità dovranno essere indicate dai territori, alcune risorse dovranno essere destinate al potenziamento delle strutture necessarie allo smart working e alla rimozione dell’amianto.

PRONTA LA COMMISSIONE COVID

Si insedierà la prossima settimana e i lavori dureranno 12 mesi
Si insedierà mercoledì 13 maggio al Pirellone la commissione d'inchiesta sull'emergenza Covid-19 istituita dal consiglio regionale su richiesta dei gruppi di minoranza. Sarà composta da 19 membri, 3 consiglieri per i gruppi più numerosi, quindi PD, Lega e Forza Italia, un solo consigliere per gli altri gruppi. Il presidente sarà della minoranza e i lavori dureranno 12 mesi. Rappresenteranno i dem Carmela Rozza, Gian Antonio Girelli e Jacopo Scandella che lavoreranno per fare chiarezza, per scoprire la verità e per dire ai cittadini lombardi che cosa davvero non ha funzionato in Lombardia e come si dovranno correggere gli errori, per evitare che una cosa del genere accada nuovamente.

LA GIUNGLA DEI TEST E DEI TAMPONI

La Regione Lombardia è ancora in ritardo e senza regole, altro che Fase 2
Siamo ormai alla fine della prima settimana della cosiddetta Fase 2, ma per quanto riguarda la strategia di realizzazione dei tamponi e dei test sierologici, la nostra regione sembra ancora ferma alla Fase 1. Lo dicono i dati della Fondazione Gimbe che denunciano un numero ancora troppo basso di tamponi. E lo attesta il silenzio della giunta che ancora non ha deliberato le linee guida sui test sierologici. Dobbiamo ripartire in fretta e occorrono regole certe, altrimenti continuerà il Far West dei laboratori privati.

PACCHETTO FAMIGLIA? TUTTO ESAURITO

Le risorse erano poche e sono già terminate, nonostante le difficoltà di connessione al sistema
Il Pacchetto Famiglia, che concede contributi straordinari per il pagamento del mutuo della prima casa e l’acquisto di strumenti per la didattica a distanza, ha pesanti limiti. Il portale per presentare la domanda funziona male e le risorse non sono sufficienti. Il milione e mezzo di euro stanziato si è esaurito in poche ore. Il Pd chiede alla Regione di stanziare risorse aggiuntive e modificare il metodo di accesso alle provvidenze.

CASSA IN DEROGA DI FAKE IN FAKE

Molte le polemiche sui ritardi della cassa in deroga, resta però lampante l'evidente ritardo della Lombardia
Un question time in aula consiliare ha acceso i riflettori sui gravi ritardi con cui Regione lombardia ha inoltrato le pratiche delle richieste della cassa in deroga all'Inps. La risposta della giunta, che ha riconosciuto una certa "lentezza" nell'avvio delle procedure, è stata promettente e ricca di buoni propositi, ma ha poi scatenato una bagarre di accuse e minacce in un caos di numeri che però non hanno certo consolato i lavoratori lombardi, rimasti ancora con le tasche vuote.

MONTAGNA, IL TURISMO DEL FUTURO

Approvato il progetto di legge in tema di interventi in rifugi e bivacchi. Intanto il Cai chiede regole chiare
Nell'attuale situazione l’escursionismo potrà diventare un’ottima valvola di sfogo per chi è in cerca di vacanza. Ma servono più soldi per i rifugi e i bivacchi che vanno ammodernati. Intanto, il Cai lamenta l’ennesimo abbandono, da parte delle istituzioni, delle attività montane anche in tempi di emergenza.
facebook twitter youtube instagram 

Gruppo Consiliare PD in Regione Lombardia

NOVITA'
settegiorniPD
n.registrazione: 627 del 5 novembre 2001
Direttore responsabile: Fabio Pizzul
Redazione: Maria Rosa Donadelli, Elena La Mura, Laura Piccioni,
Laura Sebastianutti, Stefano Tessera
www.pdregionelombardia.it