testata (1)
Numero 540 del 5 febbraio 2021

L'Editoriale Lui è peggio di me

Martedì la maggioranza lombarda ha respinto compatta la mozione di sfiducia contro il presidente Fontana. L’esito, scontato, della votazione in Consiglio è stato accolto con un lungo applauso tributato al presidente da una maggioranza scattata subito in piedi, nel tentativo di dimostrare a se stessa di essere saldamente alla guida della Lombardia.
Il dibattito in aula, nonostante il tentativo da parte della Giunta di spostare l’attenzione mediatica sull'arrivo di “mandrake” Bertolaso, ha evidenziato come l’unico argomento politico a cui si aggrappa la destra lombarda è il tentativo di addossare colpe al governo e di dire che altri hanno fatto peggio della Lombardia. Siamo a una sorta di remake istituzionale del film “Lui è peggio di me”, che nel 1985 aveva come protagonisti due illustri lombardi come Renato Pozzetto e Adriano Celentano. Per la pellicola, che non si è certo segnalata tra i capolavori del cinema italiano, non bastava un recupero come titolo di un nuovo programma Rai; il film è diventato addirittura il faro di una maggioranza regionale impegnata a spiegarci come quanto non ha funzionato in Lombardia sia stato determinato da errori e deliberate scelte romane di penalizzare la più brillante e invidiata regione d’Italia e d’Europa.
Stiamo assistendo al crollo del mito dell’efficienza lombarda sotto i colpi di una mediocrità sbandierata come buon senso e di un modo di far politica becero e aggressivo che sfianca le istituzioni.
Vedremo quanto riuscirà a resistere questa fiction politica di fronte al nuovo scenario istituzionale che si sta aprendo a livello nazionale.

Per non dimenticare C'era una volta la sanità pubblica

prsa-diretta-news

LEGA E ALLEATI ASSOLVONO ANCORA FONTANA (E Sé STESSI)

Mozione di sfiducia bocciata dall’Aula, per loro nulla da rimproverarsi
Nessun colpo di scena, il Consiglio regionale martedì ha respinto a maggioranza compatta la mozione di sfiducia – la seconda in sei mesi – che le opposizioni hanno siglato dopo l’incredibile errore nella trasmissione dei dati al ministero che aveva comportato una settimana in più di zona rossa. Ma è una difesa d’ufficio, perché dopo il siluramento di Gallera, di un pezzo di giunta e, prima, del direttore generale della sanità, è evidente che anche per loro le cose non sono andate bene.

VACCINO ANTICOVID: UN VERO PIANO ANCORA NON C'è

Il Pd chiede pianificazione, campagna informativa e trasparenza sui dati
Il gruppo del Pd chiede che al più presto sia predisposto un piano vaccinale anticovid, perché quello annunciato da Letizia Moratti, martedì scorso in aula, non può essere definito tale, dal momento che non contiene indicazioni organizzative: chi contatterà gli anziani, quali strutture saranno utilizzate per i vaccini, quale personale sarà messo a disposizione? Il Pd chiede una pianificazione degna di questo nome, una campagna informativa per gli anziani e trasparenza sui dati. L’arrivo di Bertolaso, unica novità, rischia di non bastare. Per il Pd, che ne giudicherà l’operato nei fatti, potrebbe essere l’ennesima operazione di marketing.

LA CRISI DELLE AZIENDE E I PASTICCI DEI RISTORI

Il Pd scopre un altro errore nel nuovo avviso del bando regionale sui ristori e intanto, in commissione Attività produttive, sfilano tante, troppe, aziende in crisi
Mentre in commissione Attività produttive si susseguono a nastro le audizioni sulle crisi aziendali, la Regione Lombardia combina ancora pasticci nell'assegnazione dei rimborsi e questa volta, nell'avviso 2 bis del bando "Si! Lombardia" rivolto alle partite Iva, restano esclusi parrucchieri, barbieri, intermediari e rappresentanti di commercio. Lo ha scoperto il gruppo del Pd che ha presentato immediatamente un’interrogazione all'assessore competente. Ormai l’ennesima.

TRENORD CHIEDE RISARCIMENTI AI PENDOLARI: VIETATO SCHERZARE

L'azienda chiede 10mila euro a un comitato reo di aver fatto satira sui disservizi, il Pd chiede alla Regione di intervenire immediatamente
Il Pd ha invitato l’assessore regionale ai Trasporti Claudia Terzi a fermare Trenord che ha chiesto un risarcimento danni ai pendolari (sic!) perché hanno osato ironizzare sul servizio. No, non si tratta di uno scherzo: la società di trasporto, il cui comportamento è stato ritenuto "inopportuno” anche dalla Lega, ha chiesto addirittura 10 mila euro di danni a un comitato di pendolari che avevano fatto notare con ironia le palesi contraddizioni di un suo video natalizio.

FARMACIE: SUBITO TAMPONI E VACCINAZIONI

Hanno un ruolo strategico dentro al servizio sanitario regionale. La Regione stipuli subito protocolli d’intesa operativi
Le farmacie hanno un ruolo strategico, dentro al servizio sanitario regionale, per la qualità e la capillarità della loro presenza. In questo momento storico, poi, sono fondamentali per il rilancio della sanità territoriale e per la lotta al Covid. È urgente che Regione Lombardia non solo stipuli protocolli d’intesa con loro, ma definisca operativamente e concretamente il loro apporto su due azioni fondamentali: aumentare il numero di tamponi per tracciare la popolazione lombarda e contribuire alla vaccinazione contro il Covid. Invece, anche su questo fronte, sta rimanendo indietro.

PASS DISABILI: LA REGIONE SEMPLIFICHI LE PROCEDURE

Il gruppo del Pd torna a chiedere alla giunta lombarda di uniformare le modalità di rinnovo in tutto il territorio regionale e di agevolare l'iter per i disabili permanenti
In Lombardia ogni Asst segue procedure differenti per il rinnovo di quel contrassegno che le persone con disabilità espongono sulle vetture, procedure che non solo differiscono da una struttura all'altra, ma che sono anche complesse, costose e, per coloro che sono portatori di disabilità permanenti, anche inutili. Il Pd aveva già segnalato il problema un anno fa, ma non avendo ottenuto alcuna risposta, lo ha riproposto martedì scorso, con un'interpellanza in aula consiliare che ha sortito una risposta di cui non resta che attendere e valutare gli effetti.

UDITE UDITE!

Il podcast del gruppo del Pd in Consiglio regionale della Lombardia. I consiglieri (e non solo) raccontano quello che accade in regione
Questa settimana è cominciata a Como, dove Angelo Orsenigo ha fatto il punto sulle infrastrutture del suo territorio, parlando anche di paratie, di ex Ticosa e di tangenziale; con Paola Bocci abbiamo parlato della gravissima crisi dello spettacolo dal vivo che, nonostante la zona gialla, è ancora in attesa di ripartire; con Carmela Rozza abbiamo invece commentato gli annunci dell'assessore Moratti circa il piano vaccinale antiCovid che ancora non c'è; con Jacopo Scandella abbiamo ripercorso le tappe più tristi e oscure di questo anno di pandemia, partendo a ritroso dalla giornata di martedì, quando la maggioranza ha respinto la mozione di sfiducia a Fontana; infine, con Matteo Piloni abbiamo parlato di Trenord e della discutibile qualità del servizio ferroviario in Lombardia.
facebook twitter youtube instagram 

Gruppo Consiliare PD in Regione Lombardia

NOVITA'
settegiorniPD
n.registrazione: 627 del 5 novembre 2001
Direttore responsabile: Fabio Pizzul
Redazione: Maria Rosa Donadelli, Elena La Mura, Laura Piccioni,
Laura Sebastianutti, Stefano Tessera
www.pdregionelombardia.it