testata (1)
Numero 521 dell'11 settembre 2020

L'Editoriale The show must go on

In questi giorni è andato in scena uno spettacolo che, francamente, solo qualche mese fa non ci saremmo aspettati: una maggioranza aggrappata alla necessità di rimanere in sella e un presidente, silenzioso e cupo, costretto a continuare a guidare una regione che non ha bene idea di dove condurre.
La veemenza con cui Lega e piccoli soci hanno replicato alla mozione di sfiducia presentata dalle opposizioni è figlia della paura di non avere argomenti per difendere l’operato della giunta Fontana durante l’emergenza Covid-19. L’unica difesa sembra essere, ormai, lo stucchevole tentativo di convincere se stessi e i cittadini che ci sia qualcuno che ha fatto peggio. Gli attacchi al governo sono verbalmente violenti, ma politicamente inconsistenti e il tentativo di tirare per la giacchetta il presidente Mattarella si commenta da solo nella sua insensatezza e follia istituzionale.
Non sappiamo quanto potrà durare una maggioranza che deve alzare i toni contro il governo per coprire l’assoluta mancanza di strategia di una giunta che, dopo sei mesi, non è ancora riuscita a mettere in campo strumenti e strategie efficaci contro l’epidemia. La Lombarda resta a galla solo per l’impegno di cittadini, operatori sanitari e imprese che assistono attoniti all’inerzia del governo regionale.
“The show must go on”, cantavano i Queen e con loro anche noi ci auguriamo che ci sia qualcuno che sappia quel che cerchiamo e dove andiamo. Ormai siamo certi che quel qualcuno non possono essere Fontana e la sua maggioranza.

Il Pd riparte da Nembro il 12 settembre l'Assemblea regionale

l'assemblea regionale del Pd lombardo

FONTANA HA LA FIDUCIA DEI SUOI, NON DEI LOMBARDI

Lega e alleati compatti bocciano la mozione di sfiducia, ma sono al capolinea
La votazione in Consiglio regionale sulla mozione di sfiducia al presidente Fontana è finita con 49 no (compreso Fontana stesso) e 29 sì, con la posizione in dissenso della consigliera Baffi di Italia Viva. Numeri abbastanza scontati, certo, ma è la fiducia dei lombardi ad essere venuta meno, perché la Regione Lombardia a guida Lega ha fatto peggio di tutte le altre e, per la prima volta, ha mostrato drammaticamente i suoi limiti. I lombardi non dimenticheranno.

LA REGIONE NON VUOLE IL MEDICO A SCUOLA

Una mozione del Pd lo chiedeva e i soldi ci sarebbero, ma la Giunta Fontana fa finta di nulla
La Giunta Fontana ha deciso di bocciare la mozione del Pd che chiedeva di assegnare presìdi sanitari alle scuole in vista della ripartenza. E così facendo dimostra di non capire la situazione, ma anche di non essere interessata a risolverla, lasciando soli studenti e personale scolastico. Niente prevenzione, dunque, nemmeno controlli e monitoraggio. La Regione non vuole proprio occuparsi della sicurezza di ragazzi e famiglie.

sos vaccini confermato

Le dosi antinfluenzali non bastano, tanto che la Regione bandisce solo ora una nuova gara, ma è troppo tardi
Il Pd lancia l’allarme e Gallera questa volta ammette i ritardi. Dopo 7 gare bandite, la Regione ha solo 2 milioni e 298 mila vaccini antinfluenzali. Troppo pochi per coprire il fabbisogno regionale, stimato in 5 milioni di dosi. A confermare questo è il fatto che solo ora la Regione ha bandito una nuova gara per un milione e mezzo di dosi. La campagna vaccinale non partirà prima di novembre quando sarà già iniziata la prima ondata epidemica.

QUEL FILO CHE LEGA I 49 MILIONI ALLA REGIONE LOMBARDIA

Arrestati i commercialisti della Lega per l’inchiesta sulla Film Commission
Sono ritenuti dagli inquirenti gli artefici di un castello di operazioni che avrebbero permesso alla Lega di far sparire i 49 milioni di euro che il partito di Salvini doveva restituire allo Stato. I commercialisti Alberto di Rubba, Andrea Manzoni e Michele Scillieri sono finiti agli arresti domiciliari con l’accusa di aver fatto acquistare alla Lombardia Film Commission, di cui Di Rubba era presidente e Scillieri revisore, un capannone per 800mila euro tramite una società di comodo che lo aveva acquistato pochi mesi prima per la metà della somma. Lo avrebbero fatto per proprio tornaconto personale, secondo le accuse. Queste persone sono legate a doppio filo a Salvini e al tesoriere Giulio Centemero, che si guardano bene dal prendere le distanze.

ALER, BISOGNA ASSEGNARE

Regione si lamenta dell’Imu da pagare, ma intanto tiene oltre 12mila alloggi sfitti. Inspiegabilmente
Sono esattamente 12.602 gli alloggi sfitti delle Aler lombarde. L’assessore regionale alle Politiche abitative si lamenta che deve pagarci su l’Imu, con il rischio di penalizzare gli inquilini. Scusa risibile: basterebbe fare quello che tutti si aspettano, ovvero assegnare, finalmente, quelle case. Perché non venga fatto, non è dato sapersi.

SPORT PIù EQUO E PIù SICURO

Per il Pd la Regione deve garantire ai giovani atleti i certificati sportivi e i test a un costo adeguato e omogeneo
Per la ripresa delle attività sportive agonistiche, dopo lo stop causato dall'emergenza Covid, molte federazioni hanno adottato protocolli sanitari che prevedono l’obbligo di esecuzione di test, talvolta anche ripetuti, ma si tratta di costi ulteriori che gravano sulle società e sulle famiglie. Il Pd chiede alla Regione di intervenire promuovendo convenzioni con laboratori per esami CoVid gratuiti per i minorenni e a prezzi calmierati per tutti.

Il bluff delle mascherine pannolino continua

Fontana si vergogna a distribuirle ai lombardi e le spedisce in Kazakistan
Acquistate a marzo da Aria Spa dall’azienda Fippi per 8,1 milioni di euro, le mascherine pannolino, rivelatesi ben presto inutilizzabili sono state abbandonate per mesi in magazzino. Il 7 settembre scorso con due delibere la Regione ha deciso di spedirne un milione al Kazakistan come aiuto umanitario e 500 mila ad Areu. Per farlo le paga una seconda volta e spende più di 800 mila euro.
facebook twitter youtube instagram 

Gruppo Consiliare PD in Regione Lombardia

NOVITA'
settegiorniPD
n.registrazione: 627 del 5 novembre 2001
Direttore responsabile: Fabio Pizzul
Redazione: Maria Rosa Donadelli, Elena La Mura, Laura Piccioni,
Laura Sebastianutti, Stefano Tessera
www.pdregionelombardia.it