testata (1)
Numero 587 del 18 febbraio 2022

L'Editoriale L'unica strada è la pace

Quanto sta accadendo al confine tra Russia e Ucraina non sembra preoccupare più di tanto i cittadini lombardi. E neppure chi li governa pare poi così interessato alla questione. Eppure, l’ipotesi di una guerra ai confini dell’Unione Europea non dovrebbe lasciare indifferenti, se non altro per le conseguenze economiche e sociali che un evento del genere potrebbe scatenare nel nostro continente.
Il silenzio di chi, fino a qualche anno fa, proponeva la Russia di Putin come partner privilegiato e riferimento da seguire in uno scacchiere internazionale impazzito è più eloquente di tante parole. Ora, dopo la conversione europeista di Salvini sulla via di Draghi, presentarsi come amici di Putin crea qualche imbarazzo, così come passare per sostenitori di Polonia o Ungheria, da poco destinatarie di una dura censura da parte della Corte di Giustizia Europea che potrebbe anche mettere a rischio i finanziamenti dell’Unione.
È giusto guardare con preoccupazione a quanto sta accadendo in Ucraina e dire con forza che l’unica opzione è la pace, soprattutto in un momento difficile come quello che stiamo vivendo, attanagliati da crisi pandemica e pesanti conseguenze economiche per il rincaro di materie prime ed energia.
Pensare di potersi isolare dal mondo, lo abbiamo ben capito in questi due anni, è un’illusione, così come credere di potercela fare senza un’Unione Europea più forte e coesa.
In queste settimane il Consiglio regionale affronterà il percorso annuale della Sessione Europea per fare il punto sulle infrazioni europee che mettono a rischio la Lombardia, soprattutto sui temi ambientali, e capire come utilizzare al meglio gli ingenti fondi in arrivo. Guardare all’Europa è inevitabile, anche perché è stata garanzia di pace per oltre 70 anni e può ancora essere un grande elemento di stabilità per il nostro continente e per il mondo intero.

Ucraina-Russia La pace dev'essere l'unica opzione

pace-18feb22

SANITÀ, IL GOVERNO HA RIFORMATO LA RIFORMA

Chieste modifiche a 17 articoli su 34, ma Moratti sostiene siano correzioni marginali
Il problema vero, per Moratti e Fontana, sono i fondi del PNRR per la realizzazione delle case della salute: pur di ottenerli avrebbero accettato qualunque richiesta di modifica. È questo il quadro nel quale c’è stata l’interlocuzione tra Governo e Regione sulla riforma sanitaria, sfociata nella non impugnativa da parte del primo a fronte di un impegno dalla seconda, già entro marzo, a tornare in Consiglio per apportare le correzioni richieste. La più evidente è sulle case di comunità.

Dalla parte dei pendolari

Incontro delle opposizioni con i Comitati degli utenti dei treni lombardi. Servono servizi di qualità e incentivi tariffari
Giovedì sera a palazzo Pirelli si è tenuto l’incontro dei gruppi di opposizione con i Comitati dei pendolari di tutta la Lombardia che la giunta non ha mai voluto ascoltare. Al mattino, in commissione Trasporti, sono stati invece convocati l'assessore Claudia Terzi e l’ad di Trenord Marco Piuri. Per il rilancio del trasporto pubblico, messo a dura prova dai due anni di pandemia, il Pd chiede servizi di qualità e incentivi tariffari.

LA COMUNITÀ CHE RISPARMIA ENERGIA

È stata approvata dal Consiglio la programmazione delle Cer, strumento per incrementare le fonti rinnovabili, anche attraverso la cooperazione
Via libera del Consiglio regionale alle Comunità energetiche rinnovabili con l’approvazione di due richieste importanti del gruppo regionale del Pd: le Cer, oltre che strumento per incrementare le fonti rinnovabili, devono essere considerate anche un’importante modalità di contrasto alla cosiddetta povertà energetica; vanno valorizzate le iniziative di scambio mutualistico e cooperativo tra le Cer e le forme associate di consumo energetico presenti sul territorio regionale, quindi i soci consumatori di energia, coinvolgendo il movimento cooperativo e del terzo settore.

Come sempre abbandonati

Incendio nel quartiere Aler di via Bolla a Milano, frutto di 30 anni di incuria del centrodestra
Un incendio annunciato, quello scoppiato lunedì scorso, in via Bolla a Milano, specchio della condizione in cui vivono i 100 mila inquilini delle case Aler, gestite da 30 anni dal centrodestra insediato in Regione. Nei quartieri Aler crescono abbandono, degrado e vandalismo. Ma dalla Regione nessun intervento. Non è neppure stato considerato prioritario stanziare i fondi del Pnrr per recuperarli.

Un libro dei sogni deludente

Il Consiglio regionale ha approvato il nuovo piano di prevenzione che non ha convinto il Pd: voluminoso, pretenzioso e poco definito
È stato approvato martedì scorso dal Consiglio regionale il nuovo Piano di prevenzione 2021-25, senza il voto dei consiglieri dem i quali, pur essendo riusciti ad apportare qualche contributo importante sul piano della sicurezza sui luoghi di lavoro, sono convinti che si tratti di un piano tanto voluminoso, quanto inattuabile e indefinito: contiene infatti molti programmi, senza però alcuna indicazione sulle risorse o sulle priorità. Imperdonabile, infine, che dall’impegno per la sicurezza sui luoghi di lavoro siano state escluse le microimprese edili ed agricole.

In etichetta veritas

Il Parlamento europeo ha deciso di eliminare riferimenti al legame tra consumo di alcool e lo sviluppo di tumori
Non ci sarà alcun avvertimento sulle etichette delle bottiglie di vino e di birra che, se consumate con moderazione, non sembrano essere poi così nocive. Questo è quanto ha deciso il Parlamento europeo, durante la stesura del rapporto della commissione speciale Beca, che contiene un'ampia serie di proposte per rafforzare la lotta al cancro in Europa. Soddisfatti i consiglieri dem, già intervenuti in passato in merito al sistema di classificazione dei cibi Nutrinform che, a differenza del sistema a semaforo Nutriscore, si rapporta alla quantità di alimento consigliata e tutela maggiormente le produzioni locali e artigianali.

LA SETTIMANA IN UN PODCAST

Ascoltate il racconto di quel che accade in Consiglio regionale della Lombardia sul canale del gruppo del PD
Come ogni venerdì, il nostro podcast vi propone un riassunto dei principali temi politici della settimana lombarda. Potrete ascoltare Fabio Pizzul - insieme a Gigi Ponti, Matteo Piloni e Carlo Borghetti - sulla legge sanitaria che deve essere corretta, sui monopattini, sulle nutrie e sulla comunità energetiche.
facebook twitter youtube instagram 

Gruppo Consiliare PD in Regione Lombardia

NOVITA'
settegiorniPD
n.registrazione: 627 del 5 novembre 2001
Direttore responsabile: Fabio Pizzul
Redazione: Marco Chiappa, Maria Rosa Donadelli, Elena La Mura, Laura Piccioni,
Laura Sebastianutti, Stefano Tessera
www.pdregionelombardia.it