testata (1)
Numero 444 dell'11 gennaio 2019

L'Editoriale Una regione in letargo

Un inverno anomalo quello che stiamo vivendo in Lombardia: poche tracce di neve, temperature con picchi primaverili, nebbia intermittente e insolite folate di vento secco alimentano incendi e non spazzano l’inquinamento.
Nonostante queste anomalie, c’è chi non perde l’occasione per sprofondare in un letargo stagionale.
Non stiamo parlando di plantigradi o roditori, ma della Giunta regionale e della maggioranza che la sostiene. La programmazione dei lavori del Consiglio da qui alla fine di marzo è piuttosto eloquente e si trascinerà con pochi provvedimenti che testimoniano una scarsa produttività legislativa e un’ancor più ridotta capacità di elaborare una strategia per lo sviluppo della Lombardia.
Ci diranno che siamo in attesa dell’accordo con il Governo per l’autonomia della regione, ma anche su questa partita abbiamo molti dubbi riguardo l’effettivo inizio di una nuova fase istituzionale. Ci piacerebbe vedere una regione che, in attesa di notizie da Roma, eserciti le sue funzioni e promuova una vera autonomia dei diversi territori della Lombardia, ma non vediamo nulla di tutto questo.
Comuni sempre più affaticati e province affamate (anche dalla regione) da tempo auspicano la fine del centralismo regionale. Ma su questo c’è un gran silenzio, forse per non disturbare il dolce letargo.

Sabato 12 gennaio: le mille piazze del PD

Meme_PD_Lombardia_120119
DOMANI, 12 GENNAIO, AL PIRELLONE PARLIAMO DI TRENI
A confronto con pendolari, Trenord e RFI. E su TAV mozione in Aula

Al Belvedere del Pirellone, domani, faremo le nostre proposte per il trasporto ferroviario regionale in un incontro aperto a tutti, dalle 9.30 alle 12.30, con accesso da via Filzi 22.
Di infrastrutture parleremo anche martedì in Aula: con una mozione chiediamo a Regione e Governo impegni precisi sull'alta velocità ferroviaria, sulle strade e sulle ferrovie regionali. Quanto a Pedemontana, che riaprano i cantieri.
TARIFFA INTEGRATA: UNA RIFORMA CHE NON SI PUÒ E NON SI DEVE FERMARE
Lo chiedono a gran voce i sindaci, senza differenze di schieramento

95 sindaci dell'area metropolitana milanese e 2 della provincia di Pavia hanno scritto alla Regione Lombardia e al Comune di Milano di riaprire in tempi brevi la discussione per l'approvazione della tariffa unica integrata per il trasporto pubblico metropolitano di Milano e del nuovo sistema organizzativo dei trasporti. Adesso la Regione non può più ostacolare questo percorso e si deve smarcare dal diktat di Forza Italia e Lega.
A MARZO UN CONSIGLIO DEDICATO AI GIOVANI
Una seduta su scuola, lavoro e futuro: accolta la proposta del PD

Su richiesta del Pd, a marzo in Consiglio, si terrà una seduta tematica dedicata ai giovani. Saranno affrontati temi come la dispersione scolastica, l’orientamento, la ricerca, oltre che le difficoltà di accesso al mercato del lavoro e i servizi per le giovani famiglie. Obiettivo: riorientare le politiche regionali verso un'attenzione maggiore nei confronti delle giovani generazioni.
LA BANDIERA DELLA REGIONE
NON CAMBIA
Dopo anni di proposte resta verde, con la rosa camuna

Finalmente la Regione Lombardia avrà la sua bandiera ufficiale: sarà quella verde con la rosa camuna. Dopo anni, viene adottata la soluzione più logica che il PD aveva proposto già nella scorsa legislatura. Niente bozzetti strani e bandiere più o meno crociate, pensate in passato dalla Lega. La scelta dell’attuale bandiera evita anche le spese per la sostituzione di quelle esistenti.
INCENDI A VARESE E COMO, QUESTION TIME ALLA GIUNTA
Episodi molto estesi nel periodo natalizio. Cosa intende fare la Regione?

Settimane difficili a Como, e soprattutto Varese, sul fronte incendi. Nei primi giorni del 2019, entrambe le province sono state interessate da roghi molto estesi. Per questo, nella seduta del Consiglio di martedì 15 gennaio presentiamo un question time alla Giunta per chiedere il risultato dei monitoraggi Arpa, un primo bilancio dei danni e quali azioni ha messo e intende mettere in campo la Regione per i territori.
PEDEMONTANA GRATUITA?
NO, PIÙ CARA
Lo stop all'aumento dei pedaggi non vale per l’autostrada lombarda

Prima Maroni, poi Fontana in campagna elettorale, avevano spergiurato che il sistema autostradale di Pedemontana sarebbe stato gratuito per gli abitanti dei territori che attraversa. Sembrava cosa fatta. Data dopo data. Oggi che la Lega è al governo nazionale, la faccenda cambia radicalmente e se nel resto d’Italia non viene concesso un aumento alla rete neanche a chiederlo, qui le tariffe salgono dello 0,5%.
facebook twitter youtube instagram

Gruppo Consiliare PD in Regione Lombardia

NOVITA'
settegiorniPD
n.registrazione: 627 del 5 novembre 2001
Direttore responsabile: Fabio Pizzul
Redazione: Maria Rosa Donadelli, Elena La Mura, Efrem Maestri,
Laura Sebastianutti, Stefano Tessera, Valeria Vercelloni
www.pdregionelombardia.it